Estratti di succo: idee errate e comuni da “sfatare”

L estrattore di succo di frutta e verdura è diventato un elettrodomestico molto popolare negli USA e in Europa, grazie alla domanda incessante e dinamica da parte dei consumatori.

Oggi anche nei bar troviamo l’estrattore di succo ma, molte persone decidono di acquistarlo per averlo sempre a disposizione per preparare ottimi succhi di frutta e verdura fresca.

Infatti, i nutrizionisti sono tutti concordi nell’affermare che il consumo di succhi comporti molti vantaggi per il benessere e per la salute dell’organismo umano: energia, accelerazione del metabolismo basale, qualità nutrizionali conferite dalla presenza di vitamine, sali minerali e zuccheri naturali.

Inoltre, i succhi sono un valido aiuto in quanto migliorano la perdita di peso, consentono di disintossicare l’organismo umano e aiutano a combattere gli inestetismi della cellulite.

Su questo si è tutti convinti ma, ci sono dei luoghi comuni e convinzioni sugli estratti di succo di frutta e di verdura che sono errati e devono essere chiariti. Vediamo quali sono le idee più diffuse ed errate inerenti gli estratti di succo.

Idea e convinzione assai diffusa ed errata è quella concernente il fatto che con l’estrazione a freddo, la fibra alimentare contenuta nella frutta e verdura (ingredienti principali dei succhi), venga gettata via.

Questa errata convinzione porta a ritenere che i succhi preparati con gli estrattori siano, dal punto di vista organolettico e nutrizionale, privi di fibre utili per ridurre il livello di colesterolo e per migliorare il funzionamento dell’intestino.

In effetti, non è assolutamente vero questa falsa credenza, il succo di frutta e/o di verdura preparato con l’estrattore permette di mantenere tutti i benefici nutrizionali della frutta fresca, a migliorare la digeribilità e la digestione, oltre a conservare tutte le vitamine e sali minerali necessari per il buon funzionamento dell’organismo umano.

Altra convinzione sbagliatissima sui succhi di frutta preparati con gli estrattori a freddo riguarda il semplice fatto che non si debba mescolare frutta e verdura, in quanto richiedono diversi processi digestivi.

Anche questa è un’apodittica convinzione non suffragata da tesi scientifiche: ovviamente, il tutto dipende dalla sensibilità che ogni individuo ha nei confronti del consumo di determinati alimenti.

L’intollenza alimentare che ne deriva dal consumo di succhi estratti da frutta e verdura fresca non dipende dalla mera mescolanza ma, piuttosto, dal grado di sensibilità che ogni individuo mostra nei confronti dei singoli alimenti assunti.

Errata è la convizione che i succhi di frutta fresca preparati con gli estrattori non possano essere congelati: in effetti, i succhi possono essere congelati, anche se si “volatilizzano” alcuni dei benefici nutrizionali ed enzimi. Per evitare che ciò accada, è un utile suggerimento aggiungere succo di verdura surgelata nelle zuppe preparate o aggiungere succhi di frutta industriali (piccole quantità) al succo di frutta fresca (congelato).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *