Piccola guida alla scelta di una fotocamera compatta e reflex

La fotocamera sembra un mezzo tecnologico del quale si può tranquillamente fare a meno, ora che i moderni dispositivi come smartphone e tablet hanno telecamere a risoluzione sempre più alta e soprattutto sono costantemente tra le nostre mani. In realtà, non solo per i fotografi professionisti (che non sostituiranno mai la propria fotocamera con un dispositivo qualunque) ma anche per gli amatori inesperti, la macchina fotografica rappresenta ancora uno strumento indispensabile di cattura della realtà.

Si può fondamentalmente scegliere tra due tipi di fotocamere, in base sia al budget che si vuole spendere sia alla praticità ed all’uso che se ne vuole fare: le compatte e le Reflex.

Macchine fotografiche Reflex: perché sceglierle?

Per chi non è molto esperto di questi argomenti, le macchine fotografiche Reflex sono quelle dotate di obiettivo a cannone che fuoriesce dal corpo della telecamera e che può avvicinare o distanziare il soggetto grazie ad una manopola che si gira manualmente.

Queste macchine fotografiche sono particolarmente indicate per chi ha già qualche rudimento di fotografia e vuole misurarsi con la possibilità di zoom manuale ma anche con quella di costruzione del fuoco e della luce. In queste macchinette, come ad esempio in uno dei modelli più diffusi, ovvero Canon EOS 100D, ci sono infatti dei tasti che permettono di regolare manualmente il fuoco e la luce, permettendo di realizzare foto praticamente perfette.
Per prendere confidenza con una Reflex, anche con una maneggevole ed intuitiva come questa, bisogna soprattutto studiare molto bene il menu, che propone tante alternative per realizzare scatti di tutti i tipi, da quelli con ambientazione notturna a quelli in movimento, dai ritratti ai paesaggi presi con il grandangolo.
Per la fortuna di chi è principiante, però, ci sono anche delle impostazioni che permettono di individuare queste caratteristiche in modo automatico, cosicché l’utente debba solo scattare, prendendo confidenza con panorami, colori e risoluzioni diversi prima di lanciarsi nel tentativo delle impostazioni manuali.

La macchina fotografica Reflex è un po’ più ingombrante e serve soprattutto a chi fa molte foto grazie ad escursioni o viaggi frequenti, ma di certo non può essere portata nella borsa e può diventare di troppo quando si tratta di fare lunghe camminate su terreni impervi o di trascorrere molte ore portandola al collo.

Macchine fotografiche compatte e praticità

Al contrario, chi ama fotografare ma lo fa senza la pretesa di una riuscita professionale può optare per una macchinetta fotografica di tipo compatto. Queste fotocamere sono caratterizzate da un volume rettangolare, all’interno del quale rientra l’obiettivo una volta che la macchinetta viene spenta: per questo motivo le compatte sono molto utili per essere trasportate in borsa o nello zaino, e possono magari essere affidate anche ad aspiranti fotografi giovani e giovanissimi.

Chi è in cerca delle migliori fotocamere compatte può orientarsi ad esempio su un modello come la Nikon Coolpix D500, la compatta ultraleggera realizzata appositamente per i principianti che si approcciano per la prima volta al mondo delle foto. La sua leggerezza e praticità sono ottime per cominciare a prendere confidenza, anche se forse uno svantaggio può essere rappresentato dall’alimentazione, che non è costituita da una batteria al litio ricaricabile, ma da comuni pile alcaline.

Molto importante è conoscere la grandezza del display di una fotocamera compatta, perché soprattutto se si è alle prime armi con la fotografia un display molto piccolo non aiuta a riconoscere i difetti della foto appena scattata. Per questo un buon display dovrebbe essere abbastanza ampio, da 2,5 o 3 pollici (come effettivamente è quello della Nikon Coolpix).

Ultima caratteristica da tenere presente nella scelta è il flash: le compatte, infatti, hanno un flash integrato e non un flash che si solleva, quindi è in gradi di illuminare un raggio minore d spazio. Per questo motivo va scelta una fotocamera compatta con un buon flash, che non illumini di una luce troppo bianca l’obiettivo, ma neanche che proponga un’illuminazione troppo fioca.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *